Scuola di Teatro a Lanciano 2015/2016 – Passione, Gioco, Divertimento

ts_corsiCOP

Scuola di Teatro
TEATRO Studio di Lanciano
DIRETTA DA STEFANO ANGELUCCI MARINO e ROSSELLA GESINI
Ottobre 2015 – Maggio 2016
(per i nuovi una settimana di prova gratuita)
Info e prenotazioni: 340.9775471
http://www.teatrostudiolanciano.com

➢      lunedì
16.30 – 18.00 Corso Bambini (7-10 anni)
18.00 – 20.00 Corso Giovani
20.00 – 23.00 Corso di avviamento al MATCH d’IMPROVVISAZIONE TEATRALE

mercoledì
16.30 – 18.00 Corso Bambini (7-10 anni)
18.00 – 20.00 Corso Ragazzi

➢      venerdì
18.00 – 20.00 Corso Adolescenti
Corso Bambini – ‘Play on stage’
45 euro mensili; 20 euro iscrizione; Card Teatro Studio; per i nuovi una settimana di prova gratuita; Saggio – spettacolo finale.

Corso Giovani
35 euro mensili; 20 euro iscrizione; Card Teatro Studio; per i nuovi una settimana di prova gratuita; Saggio – spettacolo finale.

Corso Ragazzi
35 euro mensili; 20 euro iscrizione; Card Teatro Studio; per i nuovi una settimana di prova gratuita; Saggio – spettacolo finale.

Corso Adolescenti
35 euro mensili; 20 euro iscrizione; Card Teatro Studio; per i nuovi una settimana di prova gratuita; Saggio – spettacolo finale.

Corso Match d’Improvvisazione Teatrale
50 euro mensili; 30 euro iscrizione; Card Teatro Studio; Una lezione di prova gratuita; Spettacolo-Match finale.
PROGRAMMA CORSI
CORSO GIOVANI, CORSO RAGAZZI e CORSO ADOLESCENTI
OTTOBRE 2015 – MAGGIO 2016
Ogni scuola di teatro è impostata attraverso un’idea del teatro. La nostra pratica teatrale è fortemente orientata verso un teatro d’attore, un teatro che vede il corpo-voce allenato e impegnato nella gestione di azione, intenzione ed emozione. L’attore è un individuo che riesce ad acquisire un controllo del proprio corpo, a gestirlo in modo automatico, al fine di poter trasmettere e trasformare le proprie immagini mentali in impulsi fisici. L’insegnamento si suddivide in quattro sezioni: Recitazione, Voce, Corpo, Cultura teatrale.
La sezione Recitazione comprende i corsi di “teatralità “e “interpretazione “. La prima intesa come complesso di segni che prende corpo sulla scena a partire da un testo. La seconda intesa come applicazione pratica dei segni di teatralità.
La sezione Voce comprende lezioni di dizione e educazione della voce: il docente incentrerà il lavoro sulla fisiologia dell’apparato fonatorio, fonetica, fonologia, training respiratorio e vocale.
La sezione Corpo prevede un training corporeo e vocale di base, nonché lo studio della Commedia dell’Arte e della Maschera.
Infine la sezione Cultura teatrale è costituita da lezioni di storia del teatro, cultura musicale e lezioni di storia dello spettacolo teatrale.
L’ imperativo è quello di evitare la specializzazione. La scuola vuole essere un continuo e completo travaso da una materia all’altra.
CORSO BAMBINI – “PLAY ON STAGE”
Il corso sarà tenuto dal docente di teatro affiancato da un insegnante di lingua inglese
OTTOBRE 2015 – MAGGIO 2016
“PLAY ON STAGE” prevede la realizzazione di un laboratorio teatrale in lingua inglese che, pur essendo un momento di grande divertimento, ha una ricaduta sul processo formativo. Scopo di tale attività non è evidentemente quello di formare attori, bensì dì favorire la creatività e la conoscenza di tutti i linguaggi espressivi che l’attività teatrale può sviluppare. Grazie al teatro è possibile stimolare nell’allievo la fantasia, la disponibilità ad apprendere cose nuove e così, anche l’impatto con la lingua diventa un’esperienza gioiosa ed indimenticabile. Il percorso prende spunto dalla parola “play”, in inglese “recitare”, quindi si vuole restituire all’atto della recitazione la parte “ludica” nel rapporto con il ruolo e il personaggio; uno spazio pieno d’ironia dove imparare a relazionarsi con sé stessi e con gli altri in un modo del tutto particolare, giocando a comunicare pensieri, sogni ed emozioni attraverso le risorse del mondo teatrale. Il bambino è protagonista dell’attività e spettatore attivo per gli altri, impara a conoscere se stesso, le proprie capacità espressive, ed insieme a sviluppare immaginazione ed inventiva. Il percorso formativo è basato sullo studio del movimento e sull’uso dell’energia e dell’improvvisazione come fonte di creazione.

CORSO MATCH d’IMPROVVISAZIONE TEATRALE
OTTOBRE 2015 – MAGGIO 2016
Corso di avviamento al “Match d’improvvisazione teatrale” ® 

Il corso si pone come obiettivo fondamentale quello di mostrare agli allievi attori la possibilità di un uso della tecnica di improvvisazione teatrale concepita non come momento di studio per una migliore definizione del testo o del personaggio, ma come momento finale ed immediato di rappresentazione.
Nel Match d’improvvisazione teatrale ® infatti l’attore viene preparato a mettere in moto i propri meccanismi creativi contemporaneamente alla loro rappresentazione in pubblico.
Vengono cioè saltati tutti i passaggi classici del teatro tradizionale: scrittura – regia – prove – rappresentazione, e l’attore diviene al tempo stesso attore/autore/regista di se stesso e del gruppo con il quale lavora.
Attraverso l’esperienza dei match si è contemporaneamente svolta un’intensa ricerca didattica che ha cercato di sistematizzare i meccanismi tecnico/espressivi che preparano l’attore ad accrescere e ad organizzare le proprie capacità creative.
Non più, quindi, un concetto d’improvvisazione legato all’estro di un singolo attore con capacità di uscire e rientrare nel filo del proprio personale monologo, ma una ricerca che renda possibile la creazione “immediata” di una struttura teatrale con più attori e su diversi stili.
Un lavoro che ha come lontano e illustre parente la Commedia dell’Arte, con la difficoltà in più di non avere né personaggi predeterminati, né canovacci, né costumi, né scenografie, ma soltanto la propria fantasia e la propria tecnica attoriale.
Il percorso didattico che proponiamo si articola sostanzialmente in tre fasi:

STIMOLO DEI MECCANISMI CREATIVI
Viene proposto un lavoro di ricerca e di stimolo dei processi creativi di ogni allievo in modo da spostare idealmente la propria condizione di attore e quella di autore/attore.

CREAZIONE COLLETTIVA
In questa fase vengono analizzate le regole ed i procedimenti che favoriscono l’improvvisazione tra due e più attori, l’ascolto e la disponibilità verso l’altro.

CREAZIONE DELLA STRUTTURA
Nella fase finale del lavoro le capacità creative individuali e la disponibilità verso gli altri attori vengono messe al servizio della creazione di una struttura globale, di uno sviluppo narrativo e drammaturgico dell’improvvisazione.
In quest’ultima fase l’attore non è più solo attore/autore/regista di se stesso ma indirizza questa funzione a tutto il gruppo.

———————————————————————————————————–

DOCENTI

STEFANO ANGELUCCI MARINO – autore, attore e regista
ROSSELLA GESINI – attrice e regista
FEDERICA VICINO – Teatro Sociale PESCARA/ Regista – pedagoga
MICHELE DI MAURO – Teatro Sociale PESCARA/ Regista – attore

ts_corsi ts_corsi1 ts_corsi3 ts_corsi4 ts_corsiCOP
FEDERICA VICINO – Teatro Sociale PESCARA/ Regista – pedagoga
MICHELE DI MAURO – Teatro Sociale PESCARA/ Regista – attore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: